Traumi ai denti permanenti: che fare?

traumi ai denti permanenti che fare
Traumi ai denti permanenti: i più comuni sono traumi ai tessuti duri del dente e quelli al tessuto osseo, legamento, gengiva.

Condividi

Traumi ai denti permanenti: i più comuni sono traumi ai tessuti duri del dente e quelli al tessuto osseo, legamento, gengiva.

Da bambini è molto frequente procurarsi dei traumi dentali. Tuttavia, nella maggior parte delle volte, il trauma interessa i cosiddetti “denti da latte” o decidui.

In questi casi la figura dell’odontoiatra è fondamentale in quanto è possibile intervenire tempestivamente ed evitare, così, problematiche più importanti ai denti che ancora devono eruttare e che poi saranno definitivi.

Quando, però, si parla di traumi ai denti permanenti le cose si complicano…

Infatti, riportare delle fratture o delle complicazioni su uno o più denti definitivi può rappresentare un problema nella vita presente e futura.

Ma, quali sono le principali cause delle fratture dentali in età adulta o dopo che i denti decidui sono caduti?

In età adulta e adolescenziale i principali fattori che scatenano una frattura ai denti permanenti sono: cadute, incidenti, traumi dovuti a particolari sport, masticazione di alimenti eccessivamente duri.

Per esempio, gli sport come la boxe, la Kickboxing, il rugby o il calcio sono tra quelli che maggiormente causano fratture ai denti o traumi.

Non solo: i soggetti più a rischio sono anche gli anziani, in quanto fragili e sottoposti a un rischio di cadute e incidenti più elevato.

Traumi ai denti permanenti: quali sono i sintomi e come bisogna agire?

Oltre alle conseguenze estetiche bisogna menzionare anche quelle cliniche. Infatti, avere uno o più denti scheggiati o rotti rappresenta un problema estetico per il quale il sorriso perde la sua bellezza. Invece, per quanto riguarda le conseguenze cliniche che si possono verificare ci sono: dolore più o meno intenso che interessa il dente ed i denti ad esso vicino, l’aumento della mobilità dentale e difficoltà nella masticazione.

Inoltre, esistono delle conseguenze che si manifestano a distanza di diverso tempo dall’accadimento del trauma. Ad esempio, può succedere che il dente cambi colore, diventi mobile o cada dopo diversi mesi.

Come comportarsi?

Quando si subisce un trauma in età adulta, anche se questo è di lieve entità, è buona regola consultare immediatamente il proprio odontoiatra di fiducia. Infatti, una diagnosi corretta è l’unica via per ripristinare una situazione ideale di sanità dentale e per effettuare una terapia ricostruttiva adeguata. Quest’ultima viene decisa a fronte dell’entità della frattura e del trauma.

Si è verificata una frattura della corona? È stata coinvolta la polpa dentaria oppure siamo in presenza di un dente lievemente scheggiato? L’odontoiatra farà le dovute valutazioni e agirà di conseguenza.

In linea generale, si può affermare che – soprattutto in età adulta – è buona norma cercare di salvaguardare il dente che ha subìto il trauma, ricostruendolo con le più innovative tecnologie odontoiatriche.

Vuoi un consulto medico con il Dottor Fabio Gramaglia?

Scrivici le tue problematiche e sarai ricontattato

Allega file (panoramica, prescrizioni mediche, altri preventivi ecc)

Potrebbe interessarti

discromia denti
Igiene Dentale

Discromia denti: come agire?

Discromia denti: è l’alterazione del colore naturale dei denti che si presentano “macchiati” o con diverse tonalità di bianco.

alitosi dopo estrazione dente
Igiene Dentale

Alitosi dopo estrazione dente

Alitosi dopo estrazione dente: per qualche giorno dopo l’estrazione potrebbe verificarsi alito cattivo, solo in rari casi un’infezione.

Avvia la chat
1
Vuoi prenotare una visita o parlare direttamente con lo studio medico?